lunedì 14 marzo 2011

C'è qualcuno lassù?


È la domanda che tutti ci siamo posti, almeno una volta nella vita. In certe notti misteriose, in cui il cielo non è solo una trapunta di stelle ma un buco nero su cui fissiamo lo sguardo come se volessimo penetrarne il mistero, ci è capitato di osservare strani puntini luminosi in movimento. Erano per lo più aerei ed elicotteri abilitati al volo notturno. Qualche volta, però, i fenomeni ci sono parsi inspiegabili. E allora il cuore prendeva  a battere forte. E la mente azzardava voli pindarici. Erano UFO? È vero, ci capitava soprattutto da bambini, quando la fantasia ha ancora le briglia sciolte ed è facile vedere ciò che desideriamo vedere. Eppure… Beato colui che ha conservato l’arditezza di pensiero, la curiosità, la voglia di conoscere  e l’assenza di remore di un bambino! Credo sia la conditio sine qua non per continuare ad osservare il cielo nutrendo la legittima aspettativa che lassù ci sia qualcuno che ci assomiglia e, forse, ci osserva. Personalmente, sono convinto da sempre che non siamo soli nell’universo. Anzi, ne sono consapevole, il ché è diverso. All’argomento ho dedicato un libro intrigante e suggestivo (a detta di chi lo ha letto) – Il Vangelo Cosmico – e con questo post voglio oggi inaugurare un’etichetta riservata alle tematiche della vita extraterrestre. Chi si interessa o è semplicemente attratto da tutto ciò che riguarda le civiltà aliene è dunque invitato a seguirmi. Ho in serbo alcune sorprese e molti approfondimenti dei temi che ho trattato nel libro in cui ho raccolto gli insegnamenti e le rivelazioni dei fratelli cosmici.  Il count down ha inizio. Meno dieci, nove, otto…

Nessun commento:

Posta un commento