martedì 12 aprile 2011

Chi trama nel buio per renderci schiavi?


Da qualche tempo, circolano strane indiscrezioni e nuovi sospetti sul NWO (acronimo di New World Order). Le voci sull’esistenza di un complotto per stabilire sul pianeta il cosiddetto “Nuovo Ordine Mondiale” si nutrono di indizi inquietanti, che tuttavia non si sono ancora trasformati in prove e difficilmente lo diventeranno. Se è vero che un misterioso gruppo di potere oligarchico sta tramando nel buio per assumere il controllo di ogni organizzazione governativa e finanziaria del mondo, così da conquistare il dominio su tutta la Terra e asservire l’umanità, sarebbe sciocco pensare di poterlo dimostrare. Sarebbe un po’ come pretendere di vedere la faccia oscura della Luna o la parte sommersa di un iceberg. Se, invece, la teoria della cospirazione mondiale è solo una bolla di sapone, un tema caro alla letteratura di fantascienza (Wells, Huxley, Orwell e per ultimo Dan Brown) e al cinema fantapolitico (dai film di James Bond in lotta contro la Spectre fino a Matrix), allora smettiamo di preoccuparci. Qualsiasi sensazione e sospetto relativo a una presunta “congiura del silenzio” è infondato e possiamo dormire fra due guanciali. Ma qual è la verità? C’è del vero in queste dicerie o si tratta di leggende metropolitane alimentate da una controinformazione paranoica?
Analizziamo, se non i fatti, quanto meno gli indizi. 
Nel 1975, l’allora Presidente degli Stati Uniti d’America Gerald Ford dichiarò : “Dobbiamo unirci per costruire un nuovo ordine mondiale”. Qualcuno considera queste parole il manifesto di un programma che da allora gli USA stanno cercando di attuare in combutta con nazioni alleate e per vie trasversali. La volontà di potenza americana sarebbe tale da mirare non solo alla creazione di una sovranità politica e militare planetaria, uno stato sovranazionale centralizzato, ma anche al controllo di ogni singolo individuo. L’ordine nuovo, per l’appunto. Volete una traccia su cui meditare? Sul retro del Great Seal degli USA (lo stemma nazionale), nella banconota da 1 dollaro, svetta il simbolo massonico dell’occhio nella piramide sotto cui campeggia la scritta: Novus Ordo Seclorum. Era - ed è - l’obiettivo dichiarato degli “Illuminati”. Più chiaro di così!
Una delle chiavi di volta per fomentare o stemperare i sospetti è costituita proprio dalla cosiddetta “Setta degli Illuminati”. Di che si tratta? L’Ordine degli Illuminati era una società segreta bavarese che operò nel XVIII secolo. Una setta simile alle confraternite framassoniche, dotata di una struttura piramidale e diversi livelli di iniziazione, il cui scopo era in apparenza innocuo: raggiungere l’illuminazione attraverso le pratiche mistiche. Gli Illuminati di Baviera avvertivano già certi pruriti (come il controllo gerarchico del sapere) che nell’Ottocento e poi nel Novecento hanno determinato conflitti militari sempre più estesi, rivoluzioni cruente e dittature politiche ed economiche. La stessa globalizzazione sarebbe il frutto di una prima semina fatta dagli Illuminati e dai massoni. Ma esistono ancora gli Illuminati? Alcuni sostengono che non si sono mai estinti. Al contrario, si sarebbero evoluti e oggi controllerebbero il mondo attraverso le loro organizzazioni segrete, così potenti ed ecumeniche da condizionare la politica, l’industria, la finanza e la cultura. Gli Illuminati sarebbero i veri padroni del mondo, per quanto il “popolo bue” possa pensare che siano i governi degli USA, della Cina, della Russia e in genere le nazioni più potenti a dettare le regole. Personalmente, credo che il vero potere non sia nelle mani del Parlamento (nei regimi democratici) o in quelle sporche di sangue dei tiranni (nei regimi totalitaristi). Il vero potere è quello esercito dai “governi ombra” e dal “Grande Fratello” profetizzato da Orwell. Sì, forse gli Illuminati esistono ancora, nel qual caso è probabile che ordiscano trame oscure per abolire la libertà e soffocare le coscienze. Sono relativamente pochi e onnipotenti, più ricchi di Creso e abili a trasmutare in oro ciò che toccano, come il re Mida, e altrettanto abili nel distruggere l’ambiente, le vite altrui e i valori umani. Costituiscono un’associazione a delinquere di stampo mefistofelico. Controllano le industrie (petrolifere, farmaceutiche, delle armi) e le istituzioni (banche e assicurazioni), la moneta, la finanza, il prezzo dell’oro e del petrolio, l’ambiente, la politica e persino il mercato della droga. Creano e distruggono a loro piacimento, come se gli uomini fossero giocattoli e la Terra il tabellone di gioco del Monopoli.   
Ma chi sono? Come riconoscerli e difendersi?
Farò i loro nomi.  In primis, il Gruppo Bilderberg. Nel 1954, gli uomini più potenti del mondo si riunirono nel lussuoso Hotel Bilderberg, nella cittadina olandese di Oosterbeck, per discutere a porte chiuse dei grandi problemi e delle prospettive di un mondo che stava cambiando. Volevano essere a loro a dettare i cambiamenti. Da allora, il potentato della Terra (chiamato “Bilderberg”) continua a riunirsi ogni anno in un luogo diverso. Nel 2010 si è dato appuntamento a Sitges, in Spagna. Cosa accade durante queste riunioni conviviali “blindate”? Difficile dirlo. Le riunioni sono avvolte nel mistero. C’è chi dice che i Bilderberg lavorino per costituire un impero mondiale sovranazionale fascista. Qualcuno giura che cospirano per rendere le masse sempre più deboli. Più facilmente, i nuovi, cinici Illuminati determinano gli indirizzi e gli eventi futuri del mondo. Una cosa è certa: il Gruppo Bilberberg (di cui fanno parte importanti figure politiche come Hillary Clinton e moltissimi industriali, finanzieri e miliardari) non è un’opera pia ma una corporazione spregiudicata.
Il governo ombra non è costituito dal solo Bilderberg. Ne fanno parte tre strumenti di potere altrettanto influenti. Il primo è il CFR (Council of Foreign Relations). È una associazione privata composta da uomini d’affari e leader politici che ha sede a New York e a Washington. Fu fondata nel 1921 e da allora svolge un ruolo chiave nella politica estera degli USA. Il secondo è il RIIA (Royal Institute of International Affairs). Fondato nel 1919, è il suo omologo britannico e ha sede a Londra e a Parigi. La terza realtà è il TC (Trilateral Commission). La Commissione Trilaterale è un’organizzazione fondata a New York nel 1973 dal plutocrate David Rockefeller, da alcuni dirigenti del Gruppo Bilderberg e del CFR, fra cui Henry Kissinger e Zbigniew Brzezinski, e da oltre trecento influenti privati cittadini europei, americani e giapponesi.
I nuovi Illuminati si avvalgono di strumenti raffinati per attuare i loro piani. Come il PAO (Information Awareness Office) del Dipartimento della Difesa Statunitense, che raccoglie informazioni sui cittadini privati, o il famigerato ECHELON, il programma di intercettazione delle comunicazioni attivato dagli USA, Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda. Molte altre organizzazioni governative sparse nel mondo sarebbero al servizio di chi tira le file della cospirazione in corso. Ovviamente non è possibile separare il grano dalla pula. Quanto c’è di vero? Possiamo interrogarci e chiederci se le Torri Gemelle furono veramente abbattute dai terroristi o se fu il governo ombra a volere l’11 settembre. Chi può rispondere con certezza? E poi, cui prodest? Forse serviva un motivo forte per attaccare l’Afghanistan e l’Iraq. Sull’onda emozionale, in quei giorni tutti ci dichiarammo americani e giustificammo la guerra contro Al Qaeda. Eppure, qualcosa di vero c’è ed è documentato. Il Wall Street Journal ha pubblicato recentemente un articolo in cui denuncia il fatto che ogni terzo mercoledì del mese, i capi di nove potentissime banche mondiali (fra cui la J.P.Morgan Chase, la Golden Sachs, la Barclays, l’UBS, la Deutsche Bank e la Citigroup) si riuniscono segretamente a New York per decidere in regime di monopolio l’indirizzo dei prodotti finanziari derivati. In sostanza, i vari Rockefeller, Rotschild, Morgan Pierpoint e gli altri plutocrati che formano questo Cartello che controlla oltre 600.000 miliardi di dollari, manipolano non solo la finanza mondiale e l’economia ma anche la politica internazionale, e quindi la storia. Diciamo pane al pane e vino al vino: è una setta in doppio petto, un potentato di avidi intoccabili la cui influenza è planetaria e il cui arbitrio è più devastante di un terremoto.
A proposito di terremoti, circola in questi giorni una notizia terribile per quanto inverosimile. Il sisma che ha colpito il Giappone potrebbe essere un avvertimento (o ritorsione) che gli Illuminati hanno attuato per costringere il governo giapponese a prendere le distanze dai paesi emergenti (Cina, India e Brasile) che cercano di opporsi all’egemonia statunitense. È fantascienza, lo riconosco, ma anche qui voglio invitare il lettore a riflettere su una realtà che suscita interrogativi inquietanti. Parlo dell’HAARP (High Frequence Active Auroral Research Program). Si tratta, per chi non ne avesse mai sentito parlare, di un’installazione civile e militare dislocata in Alaska, vicino a Gakon, che gli americani hanno costruito ufficialmente ai fini della ricerca scientifica dell’atmosfera e della ionosfera e per la ricerca sulle comunicazioni radio per uso militare. Di fatto, è un potentissimo generatore di energia, un trasmettitore di onde elettromagnetiche che vengono “sparate” nella zona più alta dell’atmosfera. Miliardi di watt che rimbalzano nella ionosfera e ritornano sulla Terra, riscaldando l’acqua degli oceani, causando i cicloni, penetrando nel sottosuolo e producendo vibrazioni devastanti: i terremoti. Le onde possono essere dirette dove si vuole, determinando gli effetti desiderati. L’HAARP è un’arma micidiale e potrebbe essere stata usata (o sarà usata in futuro) per mettere in ginocchio i paesi non allineati. Fra l’altro, esistono altri impianti simili a quello di Gakon. Uno è in Norvegia (progetto europeo EISCAT) e uno in Russia (progetto SURA). Va da sé che le fonti ufficiali considerano prive di riscontri oggettivi le teorie del complotto associate all’HAARP. Beh, ci mancherebbe altro che gli scienziati al soldo e i militari seminassero molliche di pane come Pollicino! Per il momento, voglio credere che si tratti di speculazioni pseudoscientifiche e che non sia stata l’antenna maledetta a provocare gli spasmi della terra e del mare in Giappone. Pur tuttavia, le luci in cielo che ricordano l’aurora boreale e che ultimamente sono apparse in varie parti del mondo, prima di un terremoto (i filmati sono visibili su Youtube), restano un mistero inspiegabile, salvo credere che indichino un calo di energia nella ionosfera. La cosa è più che probabile. Ma provocata da chi e perché? Nel dubbio, non abbassiamo la guardia. L’esistenza di un mondo parallelo surreale e invisibile ai nostri occhi, dove vivono esseri umani simili a noi ma privi di etica e tenacemente impegnati a giocare una partita a scacchi contro l’umanità, non è un’ipotesi campata per aria o su cui ridacchiare come se fosse una barzelletta.
Nelle sue Memorie, David Rockefeller confessa candidamente: “Alcuni credono che facciamo parte di una cabala segreta che manovra contro gli interessi degli Stati Uniti, definendo me e la mia famiglia internazionalisti e di cospirare con altri nel mondo per costruire una nuova struttura politica ed economica integrate, un nuovo mondo, se volete. Se questa è l’accusa, mi dichiaro colpevole e sono orgoglioso di esserlo”. Se lo dice lui, un patriarca che a 95 anni è ancora uno degli uomini più ricchi e potenti del mondo, prende corpo il sospetto che la nostra libertà sia in pericolo. Sul fatto, poi, che gli Illuminati siano solo gli strumenti di un grande, astuto burattinaio che taluni chiamano Anticristo, scriverò più avanti. Per ora, tanto basta per affermare che non possiamo dormire fra due guanciali perché sulla nostra testa pende la spada di Damocle.

1 commento:

  1. Chi controlla la moneta contalla il Mondo.
    Rotishild disse: "datemi il potere di emettere moneta e non mi importerà nulla di chi fa leggi".
    Anche in Italia siamo vittime del Signoraggio Bancario. I soldi che abbiamo in tasca sono un prestito...
    Proposta: DISEGNO DI LEGGE CHE STABILISCA CHE LA PROPRIETA' DELLA MONETA SIA DEI CITTADINI IN -ACCREDITO-.
    Grazie, distinti saluti Maurizio Settembre

    RispondiElimina