lunedì 13 febbraio 2012

Gli Elohim: angeli o extraterrestri?

Da tempo il nome elohim circola con insistenza fra i risvegliati in cammino verso l’imminente ascensione e c’è chi giura che gli Elohim stiano arrivando (o tornando?) per aiutarci ad ascendere. Intanto, chi sono gli Elohim? La parola ebraica indica “coloro che sono venuti dal cielo” ma anche “coloro che hanno vita in se stessi” (sono fonte di vita) e rimarca la natura divina di queste figure misteriose che suscitano grandi interrogativi fra gli esegeti biblici e gli studiosi di esoterismo. Da sempre, si attribuiscono agli Elohim caratteri divini. Nelle antiche lingue semitiche, infatti, Elohim è un nome proprio che definisce Dio. Nel Libro della Genesi (1,26) è scritto: “Dio disse: facciamo l’uomo con la nostra immagine, a nostra somiglianza” e ancora “Ecco, l’uomo è diventato come uno di noi”. Noi chi? Perché Dio parla al plurale? Una possibile risposta è che Dio utilizza il plurale maiestatis. Forse per rimarcare la sua regalità o perché ci hanno insegnato che è Uno e Trino. Una cosa è certa: l’Antico Testamento fa un po’ di confusione sull’argomento. Nel Salmo 138 il termine elohim indica figure assai diverse fra loro e fa pensare agli Angeli della Corte Celeste. Nel Libro di Giobbe (1,6; 29,1; 89,7) leggiamo che sono “figli di Dio”. Come noi umani, in fondo. Il Libro dell’Apocalisse (22,8-9) smentisce tutti: gli Elohim sono esseri di natura non divina. A quanto pare, nella Bibbia non c’è accordo né pensiero univoco e quella degli Elohim resta una vexata quaestio. Quindi? Il ventaglio appare ampio: gli Elohim potrebbero essere dei, angeli o… creature di altri mondi (gli esseri di natura non divina della visione di Giovanni?) al cospetto dei quali i nostri avi provarono paura, ammirazione e deferenza, al punto di divinizzarli. Abbiamo poi motivo di credere che ci fu un tempo in cui gli Elohim frequentarono la Terra. Risale a quell’epoca arcaica l’unione con le donne della Terra, da cui nacque una nuova umanità? Miti e racconti relativi a ciò collimano col cambiamento del DNA umano avvenuto decine di migliaia di anni fa. Gli esseri umani del XXI secolo sarebbero, di fatto, il risultato di un processo transgenico, in parte naturale e in parte artificiale, verificatosi ai primordi delle civiltà umane più remote. Di tale processo, gli Elohim furono i promotori e i coprotagonisti. A questo punto, a poco servirebbe sapere se questi artefici di una rivoluzione fondamentale del genere umano erano angeli o pionieri provenienti da altri mondi. Io ritengo più probabile che fossero creature aliene in missione speciale sul nostro pianeta. Messaggeri o coloni? Forse, entrambe le cose. Resterebbe da chiarire il loro rapporto con gli Annunaki, che la mitologia riconosce come gli antichi dei sumeri e poi assiro-babilonesi, ma che in realtà erano creature aliene, forse provenienti da Niburu. Gli Annunaki svolsero un ruolo importante nell’evoluzione della civiltà umana ed è possibile che fossero essi stessi degli Elohim. Di fatto, l’etichetta “elohim” potrebbe essere conforme a tutti i popoli e le civiltà extraterrestri che in un remoto passato hanno visitato la terra e sono stati scambiati per divinità. Nulla ci vieta di credere che gli dei del Pantheon greco, dell’America precolombiana, delle saghe nordiche, dei miti mesopotamici, dell’antico Egitto, dell’India vedica e di molte altre culture siano realmente vissuti e che in virtù della loro natura extraterrestre (e dei loro poteri) siano stati divinizzati dagli uomini. Il signor Claude Vorilhon, più noto come Rael, non ha dubbi in proposito. Nel 1973, costui ha fondato il movimento religioso raeliano, che è basato sulla credenza che alcuni extraterrestri molto evoluti, chiamati Elohim, avrebbero creato la vita sulla Terra grazie all’ingegneria genetica in cui sono maestri. La teoria scientifica della panspermia risale addirittura al filosofo greco Anassagora e ha goduto di molta credibilità nell’Ottocento e nei primi anni del Novecento. Non è dunque nuova, ma ciò non significa che sia obsoleto credere che i semi della vita siano sparsi nell’universo e che la vita sulla Terra abbia avuto inizio con l’arrivo di questi semi e il loro sviluppo (coordinato da forze vitali esterne). La vicenda cominciò il 13 dicembre 1973, quando Vorilhon incontrò un Elohim nel cratere di un vulcano spento presso Clermont-Ferrand, nella Francia centrale. Nel corso degli incontri successivi, l’alieno (che disse di chiamarsi Yahweh!) spiegò a Rael le vere origini del genere umano e gli affidò la missione di divulgare la verità. Missione che Rael ha compiuto e sta compiendo tuttora non senza polemiche. Sta di fatto che il movimento raeliano conta oggi su 70.000 membri ed è diffuso in 97 Paesi del mondo. Rael ha annunciato il ritorno imminente degli Elohim, i nostri “creatori” e sta lavorando per accoglierli nell’Ambasciata che hanno chiesto sia costruita entro il 2035. È forse quello l’anno in cui essi faranno ritorno e si manifesteranno agli occhi dell’umanità? Alcuni credono che il contatto con gli alieni avverrà prima. Io ho “scommesso” sul 2012. Non posso esprimere un parere fondato sul fenomeno raeliano perché in realtà non lo conosco a sufficienza. Quel che mi piace credere, in ogni caso, è che gli Elohim ci sono amici e vogliono condividere con noi la loro straordinaria conoscenza al fine di accelerare il processo di crescita del genere umano. C’è un’altra possibile chiave di lettura degli Elohim e ci viene offerta dal pensiero gnostico, che si occupa dell’insegnamento esoterico di Gesù. Secondo la Gnosi, Gesù avrebbe rivelato ai suoi discepoli più intimi la natura degli Elohim, che sarebbero stati sette arconti (fra cui colui che chiamiamo abitualmente Dio) cui spettò il compito di “fabbricare” il nostro mondo. Gli Elohim sarebbero dunque i responsabili della creazione dell’uomo, al quale avrebbero impedito di conoscere la verità, cioè di riconoscere in noi la scintilla divina che ci accomuna al vero Dio nascosto. A questa verità interiore possiamo avvicinarci solo attraverso la conoscenza segreta. Il ritorno degli Elohim potrebbe forse significare che gli arconti spaziali (o i loro discendenti) hanno finalmente deciso di affrancarci dall’ignoranza. Anche questa interpretazione, da afferrare con le pinze, suggerisce che gli Elohim siano creature sottostanti Dio e che più facilmente siano esseri evoluti che dimorano negli spazi siderali, in dimensioni simili o superiori alla nostra ma pur sempre fisiche, anziché angeli di natura unicamente spirituale. Ho sentore che il conto alla rovescia sia iniziato e che presto la domanda posta nel titolo avrà una risposta esaustiva oltre che sorprendente. Ciò che più conta, però, è che “coloro che sono venuti dal cielo” siano alle porte. Come Annibale nell’era di Roma, solo che al posto degli elefanti presto scorgeremo tante arche stellari stazionanti nei cieli della Terra.

11 commenti:

  1. Salve, mi chiamo Valeria e ho letto con attenzione ciò di cui sopra pubblicato.
    Ho guardato vari programmi tv, tutti improntati sull'argomento "2012", dove vengono elencate scientificamente, ecc...ecc.., varie teorie, sull'argomento.
    ...COME è ANCORA INGENUO L'ESSERE UMANO!!
    Con la verità così vicina, ancora parla di divinità, ma è ovvio, ciò che non si conosce fa paura e viene scambiato per un DIO, proprio come all'inizio di tutto.
    Le stesse parole di sempre, confuse con religioni, odio che scaturisce poichè ognuno ritiene di detenere la verità, sette che nascono con nomi di uomini e altri uomini che seguono alla cieca,favole meravigliose.
    Ci sono stati dati testi facilissimi, alla portata di persone di ogni estrazione sociale ma in ultimo, qui, anche se molto conciso, ho letto ciò che volevo.
    Da quando sono nata so queste cose e leggerle, mi scusi quanto dico, mi dà un leggero fastidio, poichè tutti, a prescindere, dovremmo saperle!!
    con rispetto
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è questione di ingenuità.
      Si tratta di inganno!
      Trattasi della Grande Menzogna pluri-millenaria.
      Hai una sola possibilità per scoprirla: lavora in te stessa, immergiti in te stessa e vai a scoprire i fondali della tua anima.
      E questo, ogni giorno, senza tregua, più ore al giorno, mentre mangi, mentre lavori, mentre studi, mentre parli con un tuo simile, quando sei in collera, quando ricevi offesa e... cerca di accorgerti di quando non sei vittima, ma carnefice.

      Ci vogliono anni, ma ne vale la pena.
      Non so se comprenderai, ma provaci.

      Elimina
  2. Ciao Valeria, ho letto il tuo commento, sono curiosa di sapere cosa intendi in questo tuo commento, non mi è molto chiaro...
    Grazie

    RispondiElimina
  3. Anche io credo in questa teoria. Di sicuro siamo il risultato di una manipolazione genetica .In ogni caso questo non spiega di sicuro l'origine della vita sia degli ominidi che gia popolavano la terra e sia gli stessi Alieni o Elohim che dir si voglia. Loro chi li ha creati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risposta: Degli Dei superiori. Cosa molto lunga e difficile da spiegarsi. Sappi solo che il Dio, cioè l'Altissimo, il Dio primo (chiamato dagli gnostici "Uno"), esiste ed è la fonte prima di vita, che non è il Dio dell'Antico Testamento.
      Comunque, gli "alieni" e le "creature superiori" esistono.
      Se vai in http://veritaterrene.blogspot.it/ trovi qualcosa che potrebbe interessarti.
      Tantissimi auguri.

      Elimina
  4. Salve! Ho letto l'articolo e desidero fare innanzitutto alcune precisazioni.

    1. Elohim non è il nome di Dio, ma un aggettivo. Il nome di Dio è conosciuto ai più come Yahweh o Geova, in italiano. Con elohim la bibbia identifica sia il solo Vero Dio, Yhwh, sia altre divinità, sia gli angeli ma anche i giudici umani che per un certo periodo di tempo governarono su Israele.

    2. In ebraico non esiste il plurale maiestatis, semmai si può parlare di plurale di eccellenza. È utile studiare l'ebraico biblico per capire meglio questo concetto come altri.

    RispondiElimina
  5. Da tempo ricevo comunicazioni attraverso channeling da ciò che si definisce Elohim di Luce, provenienti dal principio di Luce originaria, messsageri di pace, armonia e guarigione.
    Qualità del divino e analogon di ciò che noi siamo.
    Si avvicina l'era in cui assottigliate le distanze tra cielo e terra i Messaggeri si manifesteranno....al di là delle teorie valgono le " esperienze" di ognuno di noi con le loro qualità...

    RispondiElimina
  6. Fra le diverse cose imprecise: in Apocalisse 22,8-9 non c'è scritto che gli Elohim non sono di origine divina, ma c'è scritto che essi sono servi come noi uomini. Null'altro! Gli Elohim, sono dei, a tutti gli effetti, se visti da un punto di vista umano.

    RispondiElimina
  7. la maggiorparte della descrizione potrebbe anche essere veritiera...c'è pero da chiarire il discorso tra annunaki ed elohim... c'è chi pensa che siano la stessa razza,c'è chi pensa che siano due razze distinti e separate,c'è addirittura chi affida il compito di satan negli annunaki nei confronti degli elohim e delle loro creaziomi( noi ) e viceversa... il discorso non è molto semplice da affrontare,anche perché non sappiamo se chi legge sia dormiente o si stia risvegliando o sia gia risvegliato... io credo che se una persona conferma una teoria,,, dovrebbe tenerla per se stessa,per nutrire la propria di coscienza,non quella altrui...io credo che non ci abbiano affiancato all ignoranza,ma che loro ci abbiano dato i mezzi a disposizione per farci risvegliare e scoprire la nostra vera natura...che senso avrebbe farci nascere con la sapienza? con la conoscenza? quale sarebbe il nostro scopo? come faremmo a scoprirci se gia ci è stato detto come siamo??? che noia che sarebbe,,, quanto è meraviglioso invece cercare di comprenderci da soli,meditare,ascoltare noi stessi ed il nostro silenzio,scavare all interno della nostra anima,la coscienza infinita che noi siamo,lo dobbiamo scoprire da noi stessi... LORO NON SONO NESSUNO PER DIRCI COSA DOBBIAMO FARE...RISVEGLIATEVI

    RispondiElimina
  8. E se forse per me lo abolirei tutti i Religione inclusi i Raeliani....Amin

    RispondiElimina