sabato 16 marzo 2013

I due marò e l'India dei falsi guru e dei gradassi

Conosco l’India e gli indiani. Ci ho lavorato a lungo, importando prodotti ayurvedici. Ho un ricordo indelebile del mio primo incontro con l’imprenditore locale con cui stipulai una partnership che è durata dodici anni. Il negoziato sembrava una partita a scacchi e non potei fare a meno di notare la curiosa abitudine di quel popolo, che per dire di sì scuote la testa esattamente come quando noi vogliamo dire di no. Mi venne da pensare che per i devoti della Trimurti gli accordi siano sempre con riserva, che è normale per loro rimangiarsi la parola o giocare sui malintesi pur di fregare il prossimo. Temporeggiavo e il venditore mi chiese perché non accettassi le sue condizioni, che definì eccellenti. Risposi col sorriso sulle labbra ma senza peli sulla lingua: “Perché voi fate gli indiani, siete bravi a imbrogliare la gente”. Quello che sarebbe diventato il mio fornitore replicò: “Mi hanno messo in guardia che voi fate gli italiani, cioè i furbi”.
Questo aneddoto potrebbe illustrare la pochade dei marò italiani, prima attirati con l’inganno in un porto del Kerala, poi accusati dell’omicidio di due pescatori avvenuto in acque internazionali, sequestrati dalle autorità indiane e finalmente liberi in Italia, per cui il governo indiano minaccia ritorsioni politiche ed economiche se non riconsegneremo loro le vittime sacrificali, destinate all’altare della dea Kalì. Voglio subito chiarire il mio punto di vista sulla faccenda, che è una pantomima all’insegna dell’inganno, della strumentalizzazione e delle figure barbine. Va da sé che i marò sono vittime di un sopruso inaccettabile, la loro odissea è vergognosa. Ma è altrettanto vero che il nostro governo si è mostrato debole, pusillanime, vigliacco. Qualunque altra nazione con un minimo d’orgoglio avrebbe risolto il caso da tempo. Anzi, non ci sarebbe stato nessun caso. Ve lo immaginate il comandante di una nave americana, cinese, britannica, francese o anche turca su cui sono imbarcati dei militari di guardia che cade nel trabocchetto di entrare nelle acque territoriali indiane, attracca in un porto del Kerala e consegna alle autorità locali due dei suoi? Fantascienza. Noi l’abbiamo fatto. Siamo stati ingannati, è stato scritto. Allora non siamo furbi, siamo solo dei polli. La decisione di non rimandare in India i marò perché siano processati dalla Corte Suprema indiana – una legittima soluzione che però va a scapito dell’onore – riabilita in parte i cacasenno del nostro ministero degli Esteri. Dovevamo reagire molto prima, con fermezza. Così diamo l’impressione di esserci rimangiati la parola, di avere agito con “perfidia” come hanno scritto i media indiani. Facciamo fare ai bari la figura degli onesti. È ridicolo che l’accusa di scorrettezza parta da un popolo la cui natura è trattare e ritrattare continuamente e in modo snervante. Meno male che abbiamo avuto un rigurgito di orgoglio, ci siamo ribellati al ludibrio pubblico e politico cui ci hanno sottoposto i rappresentanti di una nazione il cui sistema politico-giudiziario è persino più caotico, corrotto e arrogante del nostro. 
Adesso l’India si sente offesa e gonfia il petto puntandoci il dito addosso con fare minaccioso. Mamma mia, che paura! Ci aizzeranno contro gli elefanti o le tigri del Bengala? Oppure lanceranno su di noi i missili puntati sul Pakistan? Forse ci hanno preso per lo Sri Lanka o il Bangladesh e pensano di spaventarci. Forse confidano nel fatto che sono tantissimi (1.2 miliardi di persone) e più arroganti, prepotenti, nazionalisti e incivili di noi. Personalmente, forte della mia esperienza indiana, non mi stupisco della piega presa dagli eventi. Loro sanno di essere un Paese emergente, una potenza mondiale, e applicano il principio: a ragione o a torto, è la mia patria. Hanno torto, è chiaro, ma devono mostrare i muscoli per ragioni geopolitiche. Si rivolgono come bulli a Roma affinché Islamabad e Pechino intendano. La questione rischia di trasformarsi in una prova di forza. Che fare? Dobbiamo spernacchiarli. L’India è il Paese dei falsi guru ed è normale che il governo indiano voglia gettare fumo negli occhi del mondo. Fanno i prepotenti con noi perché hanno paura. “L’assenza di paura non significa arroganza o aggressività. Quest’ultima è in se stessa un segno di paura” ha lasciato scritto Gandhi. Se così non fosse, il caso dei marò si sarebbe già risolto diplomaticamente. Al governo di Delhi, che lascia morire ogni giorno diverse migliaia di indiani per fame, sete e malattie, non gliene importa nulla dei due pescatori uccisi. Gli importa mostrare al resto del mondo che l’India ha il diritto di entrare nel club esclusivo degli stati imperialisti. Hanno paura di restarne fuori se non mostrano una volontà di potenza adeguata allo standard dei paesi insolenti come lUsa, la Cina e la Russia. Che dovremmo fare? – ripeto. È semplice, mantenerci fermi sulle nostre posizioni, affidarci a un arbitrato internazionale e rispondere per le rime qualora i cinici gradassi che governano l’India come se fossimo ancora al tempo dei Moghul decidessero di espellere il nostro ambasciatore e minassero le relazioni commerciali. 
A proposito, cosa rischiamo se il business con l’India si sgonfia? Numeri alla mano (e qui rendo merito all’India di avere inventato l’ingegnoso metodo di esprimere i numeri per mezzo di 10 simboli) c’è da chiarire prima di tutto che l’Italia è all’ottavo posto mondiale nella classifica del Pil nazionale, mentre l’India è al decimo. Dunque ci portino rispetto. Poi, nel biennio 2011-12, noi abbiamo importato dall’India beni per 4.883,09 milioni di dollari e abbiamo esportato beni per 5.427,17 milioni di dollari. Il saldo commerciale con l’India è positivo. Pur tuttavia, nel 2012, a seguito delle tensioni fra i due Paesi, il calo dei rapporti commerciali è stato sensibile: le esportazioni di merci italiane in India è calata del 10,3% e le importazioni dall’India sono crollate del 21,5%. Se, per assurdo, l’India decidesse di non comprare più i nostri macchinari, aerei, elicotteri, prodotti chimici, autoveicoli, tubi e altri prodotti in metallo, capi di moda, armi, apparecchi elettrici e mobili, ci danneggerebbe più di quanto non riusciremmo a fare noi se non acquistassimo più i manufatti indiani, cioè tessuti (seta e cotone), prodotti di artigianato, articoli etnici, zucchero, gioielli, pietre e frutta esotica. Ma non sarebbe un danno così grave da farci pentire di avere agito dignitosamente, per quanto le 400 aziende italiane che operano in India (fra cui Eni, Fiat, Piaggio, Merloni, Pirelli, Italcementi, Luxottica) la pensino diversamente. Per ripicca, potremmo toglierci la soddisfazione di rispedire a casa i lavoratori indiani clandestini e sottoporre a verifica fiscale i ristoranti indiani, i centri yoga e gli ashram di matrice induista che sono sorti nel nostro Paese come funghi dopo la pioggia. Nulla di personale contro i seguaci di Sai Baba e gli Hare Krishna, sia chiaro. Inoltre, potremmo vietare i viaggi turistici in India. I circa 200.000 italiani che ci sono stati nel 2012 potrebbero andare in un Paese meno muscoloso. La guerre c’est la guerre! Ovviamente è meglio evitarla questa guerra stupida e inutile. E poiché conosco bene gli indiani, sono portato a credere che se manterremo ferme le nostre posizioni, il governo di Delhi inventerà un excamotage per distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dal caso dei marò. In India, dove i poveri non si contano, vivono anche moltissime persone ricche. È improbabile che i nuovi maharaja rinuncino ai beni di lusso italiani, su tutti la Ferrari e Armani, per una questione di sciocco orgoglio nazionale. 
Quindi? È solo questione di tempo. Nel frattempo, prepariamoci a vivere momenti esilaranti e insieme di alta tensione. L’India dei falsi guru e dei gradassi strillerà come una cornacchia vilipesa pur di compiacere il partito nazionalista (BJP) e i fondamentalisti hindu. E noi? Auguriamoci che il nuovo governo italiano (quando finalmente sarà insediato e operativo) non faccia il voltagabbana, rinnegando la giusta, attuale presa di posizione del ministero degli Esteri. Tutto ha un prezzo, comunque. Nella peggiore delle ipotesi ci toccherà fare un piccolo sforzo economico per rabbonire gli "amici" indiani. Si dice che l’India abbia trecentotrenta milioni di dei. Non è vero, ne ha almeno uno in più ed è onnipotente: il denaro.

Nessun commento:

Posta un commento