sabato 6 aprile 2013

Ma si può morire così?

La notizia che una coppia di sposi non più giovane ma nemmeno vecchia – 62 anni il marito, 68 la moglie – si sia suicidata impiccandosi a Civitanova Marche, e che al loro estremo atto di ribellione alla vita abbia fatto seguito il suicidio del cognato di 73 anni, mi ha commosso e intristito. La coppia ha scelto di togliersi la vita perché non ce la faceva più. Era disperata a causa delle gravi difficoltà economiche in cui versava. Il fratello della donna, invece, non ha retto al dolore e si è gettato in mare. Che dire? Mi vengono in mente tanti pensieri e nel contempo vorrei tacere, stendere un velo pietoso su un fatto di cronaca nera che mi fa provare un profondo disagio, una velata vergogna e una rabbia indicibile. 
Si può morire così nel XXI secolo? Si può decidere di togliere il disturbo in un Paese fra i più industrializzati e civili del mondo nonostante la grave crisi di cui molti (ma non tutti) pagano il fio? Si può, certo, ma non è tollerabile. Non è giusto farla finita perché i soldi non bastano ed è assurdo che ciò accada fra l’indifferenza generale. Com’è possibile, poi, che nessuno abbia subodorato le intenzioni dei poveri coniugi marchigiani? Perché non sono stati aiutati e dissuasi per tempo? Dov’era lo Stato? E la Chiesa? Dov’erano i servizi sociali, gli psicologi, le organizzazioni laiche e religiose che aiutano chi è in difficoltà? Ah già, dimenticavo, i poveri e i pensionati di nazionalità italiana sono gli ultimi della fila. Prima vengono i clandestini extracomunitari (ma non possiamo più chiamarli così per un diktat della Boldrini), i nomadi, i tossici, i disadattati e quelli che alzano la voce e le mani. Non voglio farmi prendere dall’emozione e sparare col bazooka sulle istituzioni. Voglio resistere alla tentazione di pensare che siamo tutti vittime potenziali di uno Stato cinico e assassino, che prima uccide la speranza e poi si volta dall’altra parte per non assistere all’eccidio dei cittadini più deboli. Non è casuale che io parli di eccidio. Mi riferisco, infatti, ai tanti imprenditori, artigiani e anziani che negli ultimi tempi si sono suicidati a causa delle difficoltà economiche. 
“Che c’entra lo Stato coi problemi personali?” – si chiederà l’avvocato del diavolo. “E comunque, c’è tanta gente che per vergogna tace, non chiede aiuto. Come si può aiutarli? In fondo, Romeo Dionisi e Anna Maria Sopranzi erano persone dignitose e troppo e fragili e perciò hanno mollato”. No, non erano fragili, erano persone oneste ma disperate, sole, tradite e vessate da uno Stato che non è al servizio del cittadino bensì pretende che il cittadino sia al suo servizio, avendo ribaltato i termini del patto sociale. Il suicidio di Civitanova è una delle tante sfaccettature del vero dramma di cui tutti siamo partecipi. Lo Stato italiano è un mostro ignobile, disumano, che genera mostruosità per partenogenesi. Il suicidio è in molti casi un estremo gesto di ribellione al mostro, come quello che fece il patriota cecoslovacco Jan Palach nel 1968 a Praga o il “rivoltoso sconosciuto” che sfidò i carri armati cinesi nella piazza di Tienanmen nel 1989. Non sempre ci si ammazza per viltà o stanchezza, per onore o amore. Oppure a causa della disperazione, della depressione, di turbe psichiche. Ci si ammazza illudendosi di riacciuffare in extremis la libertà rubata con l’inganno e la sopraffazione, di gridare al mondo il proprio disgusto. 
Sul suicidio sono stati versati fiumi d’inchiostro e potrei scriverne a lungo, chiamando in causa filosofi e letterati. Confesso, però, che oggi non me la sento di attingere al pozzo della cultura, come faccio sempre, per sentirmi meglio. La tragica sorte delle anime in pena di Civitanova Marche mi ha tolto ogni voglia di consolazione. Pur tuttavia, si è acceso in me l’uzzolo della provocazione. Lasciatemi citare Giorgio Gaber, che disse: “Bisogna essere prudenti quando ci si ammazza, se no si fanno delle figure”. Non è il caso in questione. La coppia di Civitanova ha agito col massimo rispetto degli altri e con troppa prudenza. Non ha recato danni né fastidio a chicchessia. Sbagliato! Così facendo, i suicidi marchigiani hanno rimediato la figura dei tapini, dei perdenti, dei miserabili. Mi spiegherò meglio ricorrendo a una battuta sfrontata dell’indimenticabile umorista Marcello Marchesi. “Non sprecate il vostro suicidio, ammazzate prima qualcuno che vi è odioso”. Non bisogna prendere alla lettera questo invito, sia chiaro, ma riflettiamoci su e lo dico soprattutto a chi avesse in mente di togliersi la vita. A tale proposito, è utile chiarire a priori che esistono quattro tipi di suicidio, secondo la tassonomia del sociologo Durkheim: egoistico, altruistico, anomico e fatalista. Voglio qui considerare il suicidio anomico cronico, cioè un grave stato di dissonanza cognitiva fra le proprie aspettative e la realtà, determinata da un mutamento sociale. È in questa categoria che rientra il suicidio di Civitanova. 
Agli aspiranti suicidi per motivi economici vorrei dare alcuni consigli utili. Non suicidatevi in silenzio, dignitosamente, senza recare disturbo. Fatelo in modo eclatante, togliendovi i sassolini dalle scarpe. Prendetevi qualche soddisfazione e uscite di scena alla grande, con un colpo di teatro. Come? Non me la sento, per ragioni di prudenza, di suggerire i venti/venticinque modi che ho in mente. Non vorrei, qualora qualcuno mi prendesse alla lettera, essere accusato di istigazione alla violenza. Mi limiterò a dare cinque suggerimenti. Primo, considerate che oggi la visibilità è tutto. Prima di compiere il vostro gesto insano organizzate una conferenza stampa, informate delle vostre intenzioni i mass-media, date risonanza all’evento. Secondo, il vostro suicidio dev’essere un evento, naturalmente. Perché sia tale dovete associarlo a un luogo o a personaggi o a fatti rilevanti. Coinvolgete loro malgrado personalità famose o figure istituzionali. Altrimenti non gliene frega niente a nessuno se vi uccidete, non avrete le televisioni che riprendono in diretta e al massimo vi filmerà col telefonino il primo sfigato che passa. Terzo, amplificate lo spazio e il tempo. Non uccidetevi troppo velocemente ma fate durare l’episodio. Siate il regista oltre che l’attore protagonista della vostra rappresentazione. Quarto, traete profitto dal vostro suicidio. Ricavatene denaro oltre che popolarità. Il primo andrà ai vostri eredi, il secondo renderà immortale il vostro nome. Quinto e ultimo, poiché non avete nulla da perdere fate in modo di rovinare chi ha contribuito, direttamente o indirettamente, alla vostra rovina. Fate i nomi, raccontate i fatti. Toglietevi l’ultima soddisfazione: esponete al pubblico ludibrio i funzionari di Stato, lo strozzino, il camorrista o l’amico infido che vi ha fatto precipitare nel baratro senza ritorno. Insomma, trasformate il vostro suicidio nel capolavoro della vostra vita. Avrete avuto l’ultima parola e avrete risposto alla domanda – “Ma si può morire così? – con un sorriso beffardo. Li avrete fregati tutti e nessuno potrà rivalersi su di voi. Naturalmente, è meglio non farlo, intendo darsi la morte. Non sono più i tempi di Seneca e di Cicerone. Benché il suicidio sia l’unico crimine perfetto, è disdicevole che una persona buona, onesta e dignitosa, vada a concludere la sua esistenza macchiandosi di un crimine. 
Ci sono altre soluzioni eticamente valide per ammutinarsi alla vita.

5 commenti:

  1. si che ci sono ... una super atomica che possa annientare il tutto

    RispondiElimina
  2. Non direi che la scelta di quelle povere persone sia da definire "Crimine", scritto al termine del tuo interessante articolo, semmai i veri criminali sono coloro che ci hanno portati a queste condizioni drammatiche.
    Giusta una ribellione, ma chi e come iniziarla?
    L'individuo, se non aiutato, non può salvarsi da solo ed ecco che, considerandosi con le spalle al muro, cancella tutto il suo essere.
    Triste, molto triste...ma basta subire, ora è necessario reagire!
    erie5

    RispondiElimina
  3. Lungi da me considerare il suicidio un crimine. E' una libera scelta, criticabile ovviamente, ma credo che nessuno abbia il diritto di condannare un gesto così disperato, che esalta la ribellione ma anche la resa. Ho parafrasato con ironia Jean Baudrillard. In ogni caso sono d'accordo; i veri criminali sono quelli che umiliano un essere umano e lo costringono a togliersi la vita.

    RispondiElimina
  4. PRESTO CI SARA' UNA RIPULITA GENERALE, QUELLO CHE STIAMO PASSANDO OGGI E' SOLO UN PICCOLO ANTIPASTO....2 TERZI DELLA POPOLAZIONE DEL PIANETA SARA' POLVERIZZATA....L'UOO è TROPPO EGOISTA E PRESUNTUOSO....LONTANO DA DIO E SENZA FEDE....ORA IL NS. CREATORE CI DARA' UNA PICCOLA LEZIONE CHE CI FARA' PENSARE!!!(QUESTO L'HA VOLUTO L'UOMO OVVIAMENTE....SODOMA E GOMORRA A CONFRONTO FU SOLO UN LEGGERO SOFFIO CALDO!PREGATE!

    RispondiElimina
  5. 29 marzo 2013: "Questa umanità oggi ha toccato il fondo della sua perdizione, il fondo della sua decadenza, miseria e bassezza, presto conoscerà l'ora del grande castigo. La punizione sterminerà due terzi della Terra, perché in tutte le parti del mondo ho chiamato a vera conversione, apparendo in così tanti posti per mezzo di tanti miei figli, divenuti miei portavoce per far noti i miei messaggi a tutti. Ma l'umanità ha sempre rifiutato di ascoltare il mio messaggio, ha voltato le spalle ai miei appelli angosciati e nemmeno le mie lacrime di sangue hanno mosso il cuore degli uomini di questa generazione, che è peggiore di quella del diluvio e di Sodoma e Gomorra. Pertanto la grande punizione verrà, pioverà fuoco dal cielo e la maggior parte dell'umanità sarà distrutta… Vi invito di nuovo alla conversione vera, oggi nel più grande dolore… Io sono la Donna dell'Apocalisse e alla fine della grande battaglia in corso contro il mio avversario, sarà preso e incatenato all'inferno, dove non potrà più nuocere alle anime."

    http://62.75.141.31/ar3/jacarei/index.html

    RispondiElimina