martedì 22 novembre 2016

L'odiosa faccia tosta degli indemocratici.


Credo che la democrazia sia la più grande illusione dei tempi moderni. Esaltata come la massima conquista in ambito politico dell’umanità, nel corso dei secoli si è trasformata in una frode perpetrata ai danni del popolo, che si illude di governare perché glielo si fa credere attraverso le elezioni e i referendum, mentre è vessato e preso per il culo da coloro che si definiscono i suoi “rappresentanti”. Le democrazie occidentali (e non solo) sono oligarchie travestite, in mano a lobbies che esercitano la sopraffazione del ricco sul povero, del forte sul debole, delle minoranze sulla maggioranza silenziosa. Sovente, come aveva messo in guardia Platone, “la democrazia si muta in dispotismo”. Perché ciò avvenga non è necessario agire con violenza né proclamare un dittatore. Basta scivolare verso le derive autoritarie. Le democrazie contemporanee sono regimi a volte più illiberali delle dittature illuminate. Nella maggior parte delle nazioni democratiche, la democrazia è finta. Forse che negli Stati Uniti d’America decide il popolo? No, il popolo è bue, in Oklahoma come a New York City. È illusorio pensare che sia il bue – sorry, il popolo – a comandare. È una prerogativa dei plutocrati, dei poteri forti, delle banche centrali, delle multinazionali. A proposito, che sensazioni vi ha dato il post-elezione di Trump a Presidente della nazione che si vanta di essere la più grande democrazia del mondo? Comunque la pensiate, dovrebbe farvi riflettere la reazione stizzita dei democratici, usciti sconfitti dalle urne. Per “democratici” non intendo solo i politici appartenenti al Democratic Party, il partito dell’asinello che sosteneva la candidatura di Hillary Clinton, bensì quei cittadini americani che si considerano migliori a priori, cioè i radical chic, i salottieri, i giornalisti e gli intellettuali, le star del mondo dello spettacolo, i docenti universitari, ecc. Storditi e affranti, i progressisti sono caduti in depressione e insieme in uno di quei paradossi così comuni quando la democrazia ci sorprende: Trump non è il nostro presidente, non accettiamo il responso delle urne, lo contesteremo in modo accanito, ce ne andiamo via. Questa è stata la reazione di quei democratici che faticano ad accettare la sconfitta, dimostrandosi antidemocratici. Non è il caso di stupirci; incongruenze e intolleranza sono peculiarità dei democratici di tutto il mondo e gli States sono solo l’ultimo esempio. 
Se guardiamo le storie italiche dal dopoguerra in poi, notiamo che i democratici amano ed esaltano i valori democratici soprattutto quando sono emarginati, all’opposizione. Ma quando entrano nella stanza dei bottoni, gettano la maschera e si uniformano, mostrandoci il ghigno della democrazia. I democratici nostrani pensano di essere il meglio del Paese per grazia ricevuta, più colti, intelligenti, lungimiranti e giusti di chi non la pensa come loro, ma basta che abbiano in mano il bastone di maresciallo perché si rivelino peggiori di quelli che disprezzano e combattono senza esclusione di colpi. Anzi, spesso sono così falsi, arroganti e avidi da indurmi a pensare che la loro idea di democrazia assecondi il principio machiavellico “il fine giustifica i mezzi”. Dov’è, infatti, il rispetto della morale, delle regole, della Legge e delle idee altrui da parte dei pseudemocratici? Personalmente, non l’ho mai ravvisato nei giacobini, nei riformisti ad oltranza, nella gauche ipocrita che cita Marx ma predilige il cachemire e lo champagne. Ecco un florilegio di pensieri comuni sia ai democratici un tempo legati allo scudo crociato sia a quelli schierati a sinistra. “Quello che è tuo dev’essere di tutti ma quello che è mio resta mio”. “Sono i nostri nemici che rubano, noi siamo gli eredi di Robin Hood”. “L’immigrazione fa bene, in particolar modo alle cooperative e alle onlus su cui esercitiamo il controllo”. “Taci tu, che non capisci niente”. “Bisogna sradicare la corruzione, il clientelismo e i malaffari, ma solo quella degli altri”. Ma torniamo al fine che giustifica i mezzi. Voglio ricordare a chi mi legge che nel 2011 in Italia è avvenuto un colpo di Stato orchestrato da forze extranazionali (UE, BCE, FMi e Gruppo Bilderberg) e appoggiato dal Presidente della Repubblica, che ha portato al potere le forze politiche di sinistra. L’attuale governo è illegittimo, non rappresenta la volontà della maggioranza del popolo italiano, che aveva scelto di essere governato dal centro-destra. Renzi e i suoi scherani stanno governando l’Italia senza diritto né merito, grazie a una manovra antidemocratica. Il Capo del Governo è un nocchiero abusivo e noi siamo gli schiavi di una democrazia sempre più autoritaria e simile a un regime assolutista
Bisogna riconoscere, però, che ai millantatori della democrazia non manca il senso dell’umorismo. Ricordate la Germania dell’Est, scioltasi con la caduta del muro di Berlino? Era un inferno comunista eppure i suoi padri fondatori ebbero la sfrontatezza di chiamarla Repubblica “Democratica” Tedesca. Ancora più paradossale è la situazione dell’ex Congo belga, che oggi si chiama Repubblica “Democratica” del Congo. Credo che a Kinshasa e dintorni, come accadeva a suo tempo a Berlino est, non abbiano la più pallida idea di cosa sia la democrazia. Così va il mondo. Attribuirsi i valori e i crismi democratici è una precauzione. Difficile accusare di essere liberticida chi sventola la bandiera della pace e impugna la scudo della democrazia. Non voglio arrivare al punto cui giunse Winston Churchill, che disse “la democrazia è la peggior forma di governo”, ma ho sempre diffidato di quei democratici di facciata che predicano bene ma razzolano male e hanno un istinto prevaricatore. Pensano di essere unti dal Signore e s’incazzano se li accusi di doppiezza, corruzione e ipocrisia. Ho sempre pensato che i veri democratici, qualunque sia il loro orientamento politico, siano coloro che rispettano e tollerano (non a parole ma coi fatti) chi non la pensa come loro, che accettano il dissenso, che non remano contro né sbraitano per imporsi se non ne hanno il diritto, che non fanno i moralisti ma rispettano l’etica, che danno il buon esempio. Dubito che tale quadro corrisponda agli Indemocratici al potere in Italia. 
Orsù, fate l’esame di coscienza, insopportabili facce toste sempre pronte ad accusare di fascismo e razzismo chi ha una visione politica diversa dalla vostra. Sì, voi che parlate ancora di resistenza settantuno anni dopo la fine della guerra civile e vi arrogate il diritto di essere i custodi della democrazia, che secondo voi è sempre in pericolo. Voi non siete il meglio del Paese né i depositari della verità, siete solo un’accozzaglia (è così che Renzi ha definito chi non la pensa come voi, vero?) di approfittatori cinici e bari. Ma forse vi meritiamo, perché noi poveri “antidemocratici” siamo ormai indifferenti allo sfacelo, incapaci di scendere in piazza e fare un quarantotto per spazzarvi via. Meritiamo una classe politica che disprezza l’elettorato, la fatica quotidiana della gente comune, la patria e i valori della costituzione, tant’è che vuole cambiarla per rafforzare il proprio potere. 
Probabilmente aveva ragione George Bernard Shaw, quando definiva la democrazia l’assicurazione di non essere governati meglio di quanto ci meritiamo, per poi precisare che il predominio del sistema democratico ha fatto sì che la nomina di pochi corrotti fosse sostituita dall’elezione di molti incompetenti. Magari fossero solo dei poveri incompetenti, gli indemocratici italioti…

Nessun commento:

Posta un commento