lunedì 9 aprile 2018

Il tabacco è la peggiore calamità della storia

Una convenzione storica stabilisce che nel 1518 arrivarono in Europa i primi semi di Nicotiana tabacum. Pare che furono inviati in Spagna dal capitano Fernando Cortez su richiesta del monaco catalano Ramon Pane, che aveva preso parte al secondo viaggio di Colombo in America. Altre fonti, però, attribuiscono il merito a Gonzalo Hernandez de Oviedo y Valdés, governatore dell’isola di Santo Domingo e autore della Historia general y natural de las Indias, in cui descrive l’uso del tabacco presso gli indigeni. Quest’anno, dunque, cade il 5° centenario della scoperta del tabacco, al quale, in verità, occorse qualche lustro per diventare popolare. Fu conosciuto e apprezzato veramente dopo il 1560, quando l’ambasciatore di Francia in Portogallo, Jean Nicot duca di Villemain, inviò foglie e semi alla corte francese per curare l’emicrania che affliggeva Caterina de’ Medici. La cura, che Nicot presentò come “il miracolo del Mondo Nuovo”, ebbe successo; il tabacco diventò famoso come Herba Reginae e la nicotina prese il suo nome dal solerte ambasciatore. I vari personaggi di cui ho fatto il nome non potevano immaginare quanta fortuna avrebbe avuto il tabacco né quale iattura sarebbe stata la sua diffusione  capillare.
In realtà, credo che a cinquecento anni dall’inizio della storia del tabagismo ci sia poco da festeggiare. Il tabacco, infatti, è la peggiore calamità della storia. Non si scaldino i fumatori incalliti, i tabaccai e i produttori di sigarette e sigari. È una verità triste e inoppugnabile, che la coscienza contemporanea ha finalmente riconosciuto. Il fumo fa male, anzi uccide. Non è solo uno slogan ma un fatto confermato dall’Istituto Superiore della Sanità. Si è calcolato che nel XX secolo il fumo abbia ucciso oltre 100 milioni di persone, più di quanto non siano riuscite a fare due guerre mondiali e le grandi rivoluzioni del Novecento. Secondo l’OMS, attualmente il fumo uccide ogni anno 6 milioni di persone (di cui 700.000 in Europa), causando più decessi di alcol, Aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. D’altra parte, non è forse vero che Bacco, Tabacco e Venere riducono l’uomo in cenere? Una cosa è certa – a dispetto delle campagne di sensibilizzazione, efficaci solo nei paesi più evoluti – i fumatori aumentano anziché decrescere. Le previsioni dicono che i decessi causati dal fumo saranno 8 milioni nel 2030. Eppure ci fu un tempo in cui il tabacco esercitava un fascino incredibile e nessuno poteva immaginare che facesse male alla salute. Moliere diceva che “niente è uguale al tabacco; è la passione della gente a modo e chi vive senza tabacco non è degno di vivere”. Ai suoi tempi un gentiluomo non poteva fare a meno di ricorrere al tabacco e anche le dame lo sniffavano volentieri, tant’è che le tabacchiere (o snuff-box), nate in Francia nel Seicento, erano uno degli indizi probanti del ceto sociale. Venivano fatte coi materiali più raffinati e preservavano l’aroma del tabacco. Nell’Ottocento e nel Novecento, il tabacco ha goduto di un’alea quasi leggendaria. Merito (o colpa) delle arti, che hanno esaltato le volute azzurrognole del fumo, compagno dei momenti creativi e di riflessione, a volte di solitudine ma anche di gioia e riposo. Basti pensate alla pipa, che il poeta Mallarmé definiva “da uomo serio, che vuole fumare senza distrazioni, per lavorare meglio”. In effetti, è difficile immaginare Sherlock Holmes e il commissario Maigret senza pipa. Anche il sigaro ha il suo fascino e i suoi estimatori. Non potevano fare a meno di stringerlo fra le labbra Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini, Arturo Toscanini e Giuseppe Garibaldi. Per tacere di Winston Churchill. Ma indubbiamente è la sigaretta (nata ufficialmente nel 1885) l’icona planetaria del tabagismo. Fino a poco tempo fa e in misura minore ancora oggi, fumare sigarette non era solo un vizio ma un vezzo pregevole, certamente un bisogno sociale, un modo per sentirsi integrati, in linea con la moda e i tempi. Si fumava ovunque, incessantemente, senza alcun rispetto per i bambini, le donne gravide e i non fumatori. Le donne in particolare, fumavano per emanciparsi, per darsi un tono. Fino al 1924, le sigarette furono addirittura vendute senza filtro. Solo a partire dagli anni Cinquanta sorsero i dubbi sui rischi e i danni del fumo ai polmoni. Quanto ci è voluto per capire che il tabacco provoca “stragi tra l’umanità”, come ebbe modo di dire il Mahatma Gandhi? 
Fortunatamente, sono lontani i tempi in cui il cinema proponeva uomini e donne il cui fascino era enfatizzato dalla sigaretta in bocca e Wayne MacLaren – cappello bianco da cowboy in testa e redini di cavallo in mano – ammiccava dai poster pubblicitari. Ve lo ricordate? Era l’ammaliante testimonial della Marlboro, emblema per tre lustri della Philip Morris. Non tutti sanno che morì di tumore ai polmoni nel 1992 e che le sue ultime parole in pubblico, rivolte ai suoi ex datori di lavoro, furono “dovete ridurre la pubblicità delle sigarette, il tabacco uccide e io ne sono la prova più eclatante”. Molte cose sono cambiate negli ultimi decenni e su tutte la consapevolezza umana. Eppure, benché il fumo sia letale, le multinazionali del tabacco prosperano. Chi non conosce il film Thanking you for smoking del 2005 dovrebbe vederlo. È una commedia amara, che ha come protagonista Nick Naylor, un lobbista che si batte in difesa del fumo e dei produttori di sigarette. C’è una frase di Nick emblematica “Se ce la fai con il tabacco ce la farai in tutto”. La sua tenacia nel difendere il mito del fumatore superuomo è insieme eroica e patetica. Riflette la stupidità di chi non rinuncia a fumare nemmeno quando il medico gli diagnostica il cancro ai polmoni. E così, alla stregua di Nick, capace di confessare “mi guadagno da vivere rappresentando un’organizzazione che uccide milleduecento esseri umani al giorno, milleduecento persone… due jumbo stracarichi di uomini, donne e bambini. Praticamente c’è Attila, Gengis Khan e io, Nick Naylor”, il fumatore postmoderno, quello che se frega di tutto e di tutti e non può fare a meno di smettere, negherebbe a oltranza che il tabacco è la peggiore calamità della storia e che “si deve pur morire di qualcosa, perciò meglio morire con la sigaretta in bocca”. 
Mi astengo dal giudizio. Anche perché non ho la competenza né l’esperienza per farlo. Non ho mai fumato, di più non ho mai provato ad accendere una sigaretta. Anche quando, da ragazzo, quasi tutti i miei coetanei fumavano e mi compativano perché non emulavo il gregge, apostrofandomi “mezzasega” perché il fumo mi dava fastidio. Ma io facevo spallucce e rispondevo che chi fuma non è un gallo ma un pollo.

Nessun commento:

Posta un commento