mercoledì 22 luglio 2020

Il tempo della resilienza


È possibile che qualcuno abbia notato che scrivo di meno. Pochissimo, a dire il vero. In realtà, ho solo smesso di pubblicare post. Durante il periodo di clausura causata dal Covid-19 e fino a ieri, ho speso le mie risorse creative per scrivere un nuovo romanzo destinato a comporre una trilogia narrativa dedicata ai giganti del pensiero umano (insieme a “Le infinite ragioni” e a “Le fiamme del Paradiso”, quest’ultimo in attesa di un editore). Ho dunque trascurato il mio blog e solo oggi, dopo un silenzio che dura dal 25 aprile, riprendo il colloquio con i 44 gatti che mi seguono, spero con un certo affetto e stima. 
Lo faccio per testimoniare che il Coronavirus mi ha segnato. Non fisicamente, giacché per fortuna ho sempre goduto di ottima salute, ma nell’aeternum internum. Ho preso atto delle difficoltà e delle ripercussioni che questo trauma psicosomatico ha prodotto sul consorzio umano, modificando in maniera radicale e forse definitiva i rapporti sociali, le relazioni umane, il modus cogitandi et vivendi. Inutile negarlo, non sono più quello di prima. Nessuno lo è. Con serenità riconosco che è arrivato, anche per me, il tempo della resilienza. A scanso di equivoci voglio chiarire questo concetto che va di moda ma di cui molti ignorano il vero significato. La resilienza è la capacità di un materiale di assorbire un urto senza rompersi. Per estensione, in ambito psicologico è considerata la capacità di un essere umano di affrontare e superare un fatto traumatico, un periodo buio, un ostacolo stressante. E quindi, la possibilità di adattarsi in maniera positiva a un evento negativo. 
Il 2020 ci ha posti di fronte all’imponderabile, a qualcosa che non potevamo immaginare (ma che io definii “Cigno nero” in un post profetico del 28 dicembre 2019, https://www.giuseppebresciani.com/2019/12/dobbiamo-sperare-nel-cigno-nero.html) e ha stravolto il quotidiano del genere umano. Siamo stati costretti ad assumere posizioni difensive, a temporeggiare, a sospendere i nostri progetti, a temere che non potranno più realizzarsi. Benché io non abbia perso il posto di lavoro o qualche affetto, sia in grado di affrontare l’emergenza economica che sta per abbattersi sul nostro Paese e non abbia motivi reali per temere il domani – lo ripeto, ho la fortuna di essere una persona solida e benvoluta dal Cielo, che oltre tutto non si arrende mai – direi una bugia se affermassi che tutto va bene e non ho dovuto ammainare le vele per limitare i danni della burrasca. Mi limiterò a confidare ai miei 44 gatti che difficilmente avranno modo di apprezzare il mio nuovo romanzo, che esistevano le premesse perché fosse pubblicato da un editore importante nella primavera dell’anno prossimo. In questa opera – Le fiamme del Paradiso – racconto un Dante Alighieri sorprendente ed è un peccato che il mio ritratto intimista non possa venire alla luce nell’anno in cui si celebra il 700° anniversario della morte del Divin Poeta. Mi auguro di riuscire a pubblicarlo più avanti, quando il mondo dell’editoria tornerà a credere nel valore letterario di un libro. 
La resilienza a cui mi vedo costretto mi ha aperto gli occhi. Mi sono reso conto che puoi scrivere bene, raccontare storie appassionanti, celebrare la bellezza, ma che se non sei nel giro, non hai le amicizie che contano e appartieni al genere homo sapiens anziché al minus habens, la tua è fatica sprecata. A volte mi chiedo come sia possibile che personaggi privi di cultura e buon senso, per non dire decerebrati, collezionino decine o centinaia di migliaia di follower, che i blogger dell’insipienza cosmica siano ospiti fissi nei salotti televisivi e abbiano un successo anche economico che è precluso a persone migliori di loro, che scrittori modesti vendano libri banali. Nello specifico, mi domando se ha ancora senso sforzarsi di educare la gente, come dovrebbe fare un intellettuale, di contribuire a farle amare il kalòs kai agathòs tanto prezioso nella cultura greca antica. Ma la gente apprezza ancora il “bello e il buono”? Questo è il mio dubbio amletico. Si direbbe proprio di no. Non so spiegarmi altrimenti alcuni fenomeni del nostro tempo quali la prevalenza del cretino, il vuoto a perdere, la relatività che appiattisce, l’arroganza mediatica, la mediocrità in cui annaspano l’editoria, l’arte e la musica. Le mie domande, i miei dubbi, sempre più atroci a causa dell’emergenza sanitaria, divenuta emergenza umanitaria (mi riferisco al valore etico dell’humanitas affermatosi nel Circolo degli Scipioni) mi hanno convinto che la resilienza mal si concilia col romanticismo. Non voglio più vestire i panni cavallereschi ma goffi di Don Chisciotte. Non ha più alcuna logica combattere contro i mulini a vento. Perciò ho deciso di defilarmi, rinunciando a dire la mia. Cui prodest? Siamo circondati da opinionisti ed ebeti parlanti, frastornati dal clamore del nulla. Io voglio adeguarmi ai tempi tacendo, non essendo in grado di fare sentire la mia voce. Nei prossimi mesi pubblicherò pochissimi post e a fine anno chiuderò il mio blog. Ha fatto il suo tempo. Nel tempo della resilienza, l’uomo saggio deve guardare dentro di sé e osservare il mondo con dignitoso distacco, in religioso silenzio. Voglio provarci, per lo meno. Tuttavia non preoccupatevi. Perderete un blogger stanco e deluso ma potrete sempre contare su uno scrittore capace di emozionarvi, la cui vena non si è inaridita.